LE PERSONE SONO LA NOSTRA PASSIONE
IL COLLOQUIO
RACCONTO, TRASPARENZA E MOTIVAZIONE

Il Colloquio è il racconto di se stessi e delle proprie caratteristiche personali condotto apertamente, senza timore né disagio. Rispetto alla pura descrizione o alla semplice elencazione dei fatti, tramite il racconto si riesce ad avvicinare l’interlocutore facendolo identificare nel messaggio che si vuole trasmettere. Non omettete quello che vi può sembrare un di più, anzi “raccontatelo” e sarà un successo. Il colloquio serve a conoscere la Persona, non quello che sa fare ma il perché lo fa.

Con il Colloquio si esprime il contenuto emozionale del Curriculum che, essendo scritto, non permette né interazione né coinvolgimento.

“Mi parli di sé” è l’obiettivo del colloquio, non sprecate la vostra occasione con una fredda enunciazione cronologica di date e mansioni. Trasmettete con positività chi siete come Persona, i vostri contenuti e valori. Per evitare che l’emotività prenda il sopravvento è bene allenarsi. Infine ponete domande, è indice di motivazione. Potrebbe fare la differenza tra voi e un altro candidato, e voi volete distinguervi.

VADEMECUM PER IL COLLOQUIO

La parola “colloquio” significa parlare insieme. Mostrati ben predisposto al dialogo e interagisci nella conversazione.

Obiettivo del colloquio: ottenere il lavoro.

Prima del colloquio

Arrivare in anticipo, considerando imprevisti e traffico
Raccogliere informazioni sull’azienda
Allenarsi a esporre le proprie esperienze
Prepararsi qualche domanda
Portare una copia del CV
Abbigliamento sobrio, professionale e ordinato (senza eccessi)
Spegnere il cellulare

DURANTE IL COLLOQUIO

Gentilezza e sorriso
Guardare negli occhi l’interlocutore (raccontarsi e farsi conoscere)
Non dare giudizi sui precedenti datori di lavoro
Non distrarsi e non rispondere impulsivamente
Tenere “in coda” le domande su retribuzione, benefits o ferie
Richiedere le tempistiche di inserimento e di risposta

IL CURRICULUM VITAE E LA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO

Per uno scambio efficace di informazioni è necessario un processo relazionale sociale che prevede ambiente, relazione e contenuto.

Nel Curriculum vitae o nel profilo social vi è solo contenuto, mancando la condivisione dell’ambiente e la relazione fra emittente e ricevente. Diventa quindi più difficile l’interpretazione da parte di chi legge rispetto a ciò che vuole trasmettere l’autore. Lo scritto dovrebbe dare spazio all’oggettivo e limitare il soggettivo per evitare interpretazioni pregiudizievoli del contenuto.

Il Curriculum Vitae vi dà l’opportunità di fare marketing su voi stessi e di presentarvi con il vostro “personal brand” al fine di convincere i Recruiter a convocarvi. Obiettivo del Curriculum Vitae è ottenere il colloquio. Per questo è opportuno:

Oggettività, sequenzialità logica e coerenza
Leggere con attenzione l’annuncio
Scrivere il proprio modello di curriculum e non superare le due facciate (formato europeo solo se richiesto)
Usare la grafica in modo sobrio per enfatizzare i passaggi salienti
Fare leggere il CV a chi ci conosce
Verificare informazioni di contatto, numero di telefono e indirizzo e-mail.
Se si mette una foto sceglierne una professionale (viso in primo piano o mezzo busto) possibilmente a colori

La lettera di accompagnamento va di norma allegata al CV e va formulata ad hoc per ogni offerta. In pochissime righe deve far comprendere perché vi state proponendo.

L’obiettivo della lettera è convincere il Recruiter a convocarvi a colloquio.